Home page di Andrea Portunato  -   Per richiedere maggiori informazioni

Due late-comers a confronto:
la Guerra Russo-Giapponese del 1904-1905.


"Tutte le potenze pajono cospiranti a distruggere la Cina e il Giappone,
e non si vede qual cosa potrà resistere all'urto delle strade ferrate e delle vaporiere."
(Cantù - Storia Universale - Torino 1886)

Introduzione

  Il presente lavoro si propone di mettere a confronto lo sviluppo storico di due imperi, la Russia e il Giappone, durante la seconda metà del XX secolo e il primo decennio del '900; in particolare sono state evidenziate le cause, le vicende e le conseguenze della guerra che li vide protagonisti negli anni 1904-1905.
  La mia scelta di confrontare Russia e Giappone è dovuta alla possibilità di studiare due paesi giunti negli stessi anni, ma in ritardo rispetto alle altre nazioni, allo sviluppo industriale e, attraverso le vicende relative alla guerra, evidenziarne i risultati raggiunti in ogni campo, legislativo, sociale ed economico nei primi anni del '900.
  Per il Giappone, partendo dalla fine della shogunato e dal ripristino del potere imperiale si è proceduto alla ricostruzione dell'evolversi della situazione politica sociale e economica durante la cruciale fase di inserimento nell'economia mondiale. E' stata poi descritta l'evoluzione dell'impero zarista, dal momento fondamentale dell'abolizione della servitù della gleba alla crisi in Estremo Oriente. Abbiamo cercato di affrontare i temi dello sviluppo in modo separato ottenendo una serie di paragrafi che permettono un rapido e facile confronto tra i due paesi. Questa prima descrizione è servita per delineare i protagonisti e lo scenario delle vicende politiche e militari che hanno coinvolto, oltre a Russia e Giappone, Cina e Corea.
  Sono stati delineati gli eventi principali che hanno condotto al conflitto presentando le vicende della guerra combattuta dal Giappone contro la Cina la rivolta dei Boxer, la crisi coreana e infine lo svolgimento della guerra russo-giapponese.
  In particolare i due conflitti vinti dal Giappone determinarono due importanti svolte nei rapporti internazionali soprattutto nel delicato teatro dell'Asia orientale. La definitiva sconfitta della Cina nei confronti delle potenze occidentali e il ridimensionamento dei programmi di espansione russa verso l'Impero Cinese. L'esito della guerra russo-giapponese ha permesso di spiegare l'evoluzione dei due imperi nel periodo che precedette la Prima Guerra Mondiale; a questo periodo è dedicato il 4° capitolo, che utilizzando ancora le separazione tra gli aspetti sociali politici ed economici dell'evoluzione dei due stati si propone di semplificarne il confronto.
  Basandomi sulle fonti bibliografiche disponibili non ho riscontrato grandi diversità nella descrizione dei fatti effettuate dai vari autori, né presentazioni di valori statistici decisamente contrastanti. Importanti, invece, le sfumature tra i diversi autori che, a seconda del loro punto di vista, hanno privilegiato certi aspetti tralasciandone altri fondamentali per comprendere molti eventi degli eventi descritti. Questo lavoro di sintesi di fonte diverse, anche se insufficiente, ha permesso di giungere ad una descrizione abbastanza ampia degli eventi che hanno segnato in modo profondo la storia dell'Asia Orientale.
Inoltre, ho raccolto e catalogato le informazioni presenti sul web relative a Russia e Giappone per il periodo che va dalla fine del XIX secolo alla Prima Guerra Mondiale. In particolare, oltre ad informazioni pubblicate e agli elenchi bibliografici ho evidenziato le riproduzioni di immagini e filmati d'epoca liberamente fruibil sui siti web e che credo possano aiutare nella comprensione sia del periodo storico sia di come veniva percepita la guerra nei paesi belligeranti e nel resto del mondo.

Elenco dei capitoli e riepilogo delle informazioni sul web


Creative Commons License
Due late-comers a confronto: la Guerra Russo-Giapponese del 1904-1905.
by Andrea Portunato is licensed under a Creative Commons Attribuzione 2.5 Italia License.
pagina aggiornata il 15 gennaio 2009
scritto da Andrea Portunato